Clementino PDF Stampa E-mail

Era il 1995 quando il grande Pino Daniele saliva sul palco di Poggioreale, il carcere della sua città di Napoli. Esattamente venti anni più tardi, in questo nostro 2015, un altro cantante italiano è salito su quel palco. Anche lui ha voluto parlare ai detenuti della sua città. È il rapper Clementino, che è stato con noi in questa puntata di Jailhouse Rock a lui dedicata e ci ha parlato di quel concerto, dei suoi progetti, delle sue idee sul rap e sull'impegno sociale. Anche Cisky Capizzi, rapper della nostra cover band di Bollate oggi fuori dal carcere, ci ha raccontato la sua esperienza e ci ha fatto ascoltare un suo brano.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
Concerto della band del carcere di Bollate PDF Stampa E-mail

Domenica 4 ottobre 2015 la Freedom Sounds, la nostra band di detenuti musicisti che suona dentro il carcere di Bollate e che settimana dopo settimana ci accompagna a Jailhouse Rock con le sue cover, ha tenuto un bellissimo concerto presso l’ex carcere Sant’Agata di Bergamo, all’interno della manifestazione ‘Ora d’Aria’, organizzata dalle associazioni Maite e Zenith. Questa puntata di Jailhouse Rock la dedichiamo a questo grande appuntamento life.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
La tortura PDF Stampa E-mail

In Italia la tortura esiste, il reato no. A ricordarcelo con noi a Jailhouse Rock Ilaria Cucchi, proprio nei giorni in cui si aprono nuovi scenari nel processo per la morte di Stefano. In questa puntata abbiamo ascoltato le testimonianze rilasciate ai microfoni di Jailhouse Rock da Benedetto Labita e Giuseppe Gulotta, torturati e poi assolti. E su questi temi abbiamo ascoltato anche le riflessioni di Beppe Carletti dei Nomadi, Renato e Michele degli AK47, Teresa De Sio.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
La legge penitenziaria PDF Stampa E-mail

Sono passati 40 anni da quando è stata approvata la legge che governa le carceri italiane. Ma sono passati 40 anni anche da quando Bruce Springsteen ha scritto Born to Run. È su questo pezzo, e sulla riforma in atto della legge penitenziaria, che si apre la nuova stagione di Jailhouse Rock. A parlarne lo storico Sandro Portelli e il Direttore Generale Banca Etica Alessandro Messina.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
Bollate band PDF Stampa E-mail

Ci hanno accompagnato settimana dopo settimana proponendoci grandiose interpretazioni degli artisti trattati in trasmissione. In questa puntata i protagonisti sono loro, i nostri amici musicisti che collaborano a Jailhouse Rock da dentro il carcere di Bollate. Le loro storie, i loro brani inediti, il loro percorso musicale: tutto questo ascoltiamo dalle loro voci e dai loro strumenti. La nostra conduzione da studio è affiancata a quella del nostro amico Francesco Mondello, agente di polizia penitenziaria, da Bollate. E Johnson Righeira ha ricordato il concerto del 16 aprile 2013, quando Jailhouse Rock organizzò un concerto dei Fratelli Righeira e dei musicisti del progetto Freedom Sounds di Bollate, che hanno suonato assieme sul palco dell’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare a Milano.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
Tom Waits PDF Stampa E-mail

Un grande bluesman bianco, un uomo dell’underground statunitense, uno sperimentatore fondamentale nella storia della musica rock. La voce inconfondibile di Tom Waits, la voce affogata nell’alcol e arrugginita dal tabacco, la voce dolce e rude, la voce in bianco e nero. Tom Waits frequenta la parte più marginale e marginalizzata della città di Los Angeles e le sue canzoni si riempiranno di queste storie. Con noi a Jailhouse Rock Renzo Ulivieri, presidente degli allenatori di calcio italiani, ha parlato degli stereotipi che esistono nel calcio e di altro ancora.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
Vasco Rossi PDF Stampa E-mail

Il 20 aprile del 1984, mentre stava provando gli impianti del Variety a Bologna, due carabinieri gli si avvicinarono. Poco dopo i tre si recarono insieme a Casalecchio di Reno, dove Vasco Rossi viveva e suonava con la sua band dentro un capannone. Il Blasco consegnò spontaneamente i ventisei grammi di cocaina in proprio possesso. Venne arrestato immediatamente e portato nella prigione di Pesaro. Per ventidue giorni abiterà la cella numero ventidue. Poco prima, là dentro si era impiccato un detenuto di origini iraniane. La prossima volta forse non si affretterà a consegnare la droga con tanta solerzia. “Certo che sei un bel fenomeno anche tu a farti prendere così!”, canterà in Cosa c’è, la canzone scritta pochi giorni dopo aver riacquistato la libertà. Con noi a Jailhouse Rock è stato Livio Ferrari, cantautore e autore insieme a Massimo Pavarini del libro No prison.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
Peter Tosh PDF Stampa E-mail

In Jamaica, in un braccio della morte, Dennis Lobban ha trascorso tanti e tanti anni. Lui si è sempre proclamato innocente. Ma i giudici non avevano dubbi nel considerarlo il responsabile dell’omicidio di Peter Tosh, avvenuto l’11 settembre 1987 a Kingston. La sua condanna fu trasformata in carcere a vita nel 1995. In questa puntata Filippo Giunta, organizzatore del Rototom Sunsplash, il più grande festival reggae al mondo, ha raccontato ai microfoni di Jailhouse Rock la sua assurda storia: sei anni di processo con l’accusa di spingere le persone a usare droga durante il festival e infine, pochi giorni fa, l’assoluzione.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
El-Haqed PDF Stampa E-mail


Il rapper marocchino Mouad Belghouat – in arte el-Haqed, l’arrabbiato – ha partecipato ai moti della primavera araba. Non è un estremista. È piuttosto un democratico convinto, componente del Movimento 20 febbraio, il movimento giovanile e universitario di opposizione alla monarchia, parte attiva della primavera araba marocchina. Cantava canzoni che non sempre piacevano al regime. Durante una delle sue carcerazioni ha portato avanti uno sciopero della fame per far sapere al mondo quel che accade nelle prigioni del Marocco e per denunciare le terribili condizioni di detenzione. La notizia della sua protesta è arrivata al mondo intero grazie al fratello Abderrahim. Il cantante non poteva telefonare a nessuno, denunciava abusi da parte degli altri detenuti, soprusi da parte delle guardie. Con noi in questa puntata di Jailhouse Rock è stato Nabil Salameh dei Radiodervish, un gruppo che da sempre guarda al Mediterraneo all’incontro pacifico tra le culture che lo abitano e che ha pubblicato da pochi giorni il suo ultimo album dal titolo Café Jerusalem.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 14

Degni di note

I consigli musicali di Giorgio Novembrino

 

I Consigli del'avvocato

Sei nei guai con la giustizia? Hai bisogno di un buon consiglio? Scrivi a Mirko Mazzali e ne saprai di più!

Le prigioni del cuore

Il tuo cuore è imprigionato dietro le sbarre? Lucia Pistella risponde alle vostre lettere

On Air


Ascolta Radio Popolare

Links


tumblr counter