Noir Désir PDF Stampa E-mail

È tristemente nota la vicenda che ha portato in carcere Bertrand Cantat, fondatore del gruppo. Nel luglio del 2003, litiga violentemente con la sua compagna, l’attrice Marie Trintignant, figlia del famosissimo attore francese Jean-Louis Trintigant. È una lite di gelosia. Lui la colpisce, lei cade per terra, sbatte più volte la testa. Lì per lì ci fanno meno caso di quanto avrebbero dovuto. Forse i due vanno anche a dormire. Fatto sta che i medici vengono chiamati varie ore dopo la lite. La mattina del 27, una domenica, la scoperta è tremenda. Marie Trintignant è in coma. Morirà pochi giorni dopo. Con noi a Jailhouse Rock Maria Soler, componente della piattaforma International trial Watch, ha parlato del processo davanti al Tribunal Supremo di Madrid agli indipendentisti catalani.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
The Animals PDF Stampa E-mail

Il cantante degli Animals Eric Burdon se la vide brutta la mattina del febbraio ’65 a New York mentre faceva colazione nella lobby del suo albergo. Hilton Valentine, il chitarrista della band, aveva cominciato a uscire con una ragazza. E questa ragazza aveva un fratellastro. E questo fratellastro non era contento neanche un po’ che la sua sorellastra se la facesse con una rock star. E se la prese con lui, che non c’entrava nulla. Mentre stava mangiando la sua colazione, l’uomo gli posò una mano sulla spalla. Lui si girò. “Posso ridurti in poltiglia”, fu la frase che si sentì rivolgere. Ed era vero. Poteva davvero ridurlo in poltiglia. L’uomo cui la mano apparteneva, l’uomo la cui sorellastra aveva un flirt con il chitarrista della sua band, l’uomo che non era affatto contento che la sua sorellastra avesse un flirt con un chitarrista, l’uomo che si ergeva davanti a lui nella lobby dell’albergo di New York dove stava facendo colazione era…. Cassius Clay. Già noto allora come Muhammad Alì. Burdon si conquisterà il suo diritto a comparire su Jailhouse Rock qualche anno dopo, nel 1982, quando verrà arrestato in Germania per possesso di cocaina. Con noi a Jailhouse Rock Stefano Stortone, coordinatore del progetto di bilancio partecipativo presso il carcere di Bollate per l’associazione BiPart.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
Harry Belafonte PDF Stampa E-mail

Il 31 gennaio del 1985 Harry Belafonte venne arrestato mentre manifestava contro il regime dell’apartheid di fronte all’ambasciata sudafricana a Washington. Il governo del Sud Africa lo aveva dichiarato persona non gradita fin dall’inizio degli anni ’60, da quando lui aveva cominciato ad aiutare esuli sudafricani. I giornalisti lo accusarono di essere un radical chic. Lui risposte che avrebbe avuto tante altre cose più belle da fare piuttosto che volare fino a lì, affrontare la pioggia, correre alla manifestazione e farsi arrestare. Anche in Italia l’espressione radical chic è usata troppo spesso e troppo impropriamente. Ne abbiamo parlato a Jailhouse Rock con chi è un vero radicale, Riccardo Magi, parlamentare di Più Europa ed esponente di spicco dei Radicali Italiani.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
Ozzy Osbourne PDF Stampa E-mail

Il 19 febbraio del 1982, poco dopo le tre del pomeriggio, Ozzy Osbourne scoprì all’improvviso di dover fare una grande pipì. Era uscito dal suo albergo a San Antonio, nel Texas, per scattare un po’ di fotografie. Si appartò e trovò un sasso che gli sembrava adeguato allo scopo. Era completamente vestito da donna. La moglie gli aveva nascosto i vestiti per impedirgli di uscire a comprare dell’alcol. Ma la cosa non lo aveva trattenuto. Aveva indossato quelli di lei e si era allontanato ugualmente dall’albergo nel quale i due alloggiavano. Si era scolato una quantità non indifferente di cognac. Purtroppo quel sasso non era un sasso qualunque: era l’Alamo, il simbolo dell’indipendenza texana. “Se pisci sull’Alamo allora pisci sullo Stato del Texas”, pare gli disse il poliziotto che arrestò lo storico cantante dei Black Sabbath.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
Giuseppe Verdi PDF Stampa E-mail

Siamo nel carcere di Venezia. Corre l’anno 1457. C’è un uomo, nel buio, seduto sopra un masso di marmo. Qualcosa, qualcuno gli si avvicina… “Uno s’avanza!... ha gigantesche forme!...”. È uno spettro. Tiene qualcosa con la mano sinistra…. “Il reciso suo teschio ferocemente colla manca porta!... A me lo addita... e colla destra mano mi getta in volto il sangue che ne cola!...”. Ma sì! L’uomo seduto sul marmo lo riconosce: è il fantasma di Francesco Bussone, detto il Carmagnola, il condottiero accusato di tradimento e condannato a morte dal Consiglio dei Dieci, che governava la Repubblica di Venezia. Il 5 maggio del 1432 al Carmagnola era stata tagliata la testa. Quella testa che oggi il suo fantasma, che ancora si aggirava nella cella, portava con la mano sinistra, mentre con la destra gettava il proprio sangue addosso all’uomo prigioniero. Quell’uomo, Jacopo Foscari, era il figlio del Doge Francesco Foscari. “Non maledirmi, o prode, se son al Doge figlio; de’ dieci fu il Consiglio che a morte ti dannò!”. Quel Doge che attende anche lui di conoscere la decisione del Consiglio dei Dieci su suo figlio accusato di omicidio da innocente.  “Me pure sol per frode vedi quaggiù dannato, e il padre sventurato difendermi non può...”. Tanto equa è la giustizia veneziana, che consente anche di condannare il figlio di un Doge. L’opera di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave I due Foscari ha debuttato al Teatro Argentina di Roma nel novembre del 1844.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
Jah Cure PDF Stampa E-mail

Una delle voci più influenti del panorama reggae mondiale, l’artista giamaicano è stato arrestato nel 1998 e l’anno successivo condannato a quindici anni di carcere, diventati in appello dodici, per stupro, rapina e possesso di arma da fuoco. Si è sempre dichiarato innocente. In molti gli hanno creduto. In molti hanno pensato che gli ingiusti procedimenti giudiziari della Giamaica avessero influito nella condanna. In molti si sono mobilitati per la sua liberazione. È uscito di galera in parole dopo otto anni. Dal carcere ha pubblicato tre album.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
Caparezza PDF Stampa E-mail

Nella Città Alta di Bergamo, non lontano da piazza Duomo, si trova l’ex carcere di Sant’Agata. Le mura originarie dell’edificio risalgono al 908. È un edificio bellissimo, che ispira riflessioni e silenzio. Nel 1600 divenne un monastero dei padri Teatini. In esso regnavano la preghiera e il silenzio. Fu nel 1802 che Sant’Agata divenne un carcere. Aleggiavano nei corridoi dolore e silenzio. Caparezza ha girato nell’ex carcere di Sant’Agata il videoclip di Prisoner 709. L’album che porta quel nome è un viaggio nella prigionia di quando il silenzio lo aveva abbandonato a causa di un acufene. Con noi a Jailhouse Rock a parlare della sua musica e di cosa significa fare rap il giovanissimo e ascoltatissimo rapper romano Garfo.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
Bukka White PDF Stampa E-mail

Nel 1937 sparò alla coscia di un uomo. Mentre aspettava il processo ed era fuori su cauzione andò a Chicago per motivi legati a sue registrazioni musicali dell’epoca, ma fu condannato, ripreso e mandato a scontare la sua pena. Trascorse tra i due e i tre anni alla Parchman Farm, la prigione più antica dello Stato del Mississippi, dove John Lomax registra due sue canzoni. Un grandissimo del Delta Blues, un artista di rara potenza, un chitarrista eccezionale.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
Caetano Veloso PDF Stampa E-mail

Al numero 16 di Redesdale Street, a Londra, nell’estate del 1969 si trasferì Caetano Veloso. Non era solo. Con lui viveva l’amico di una vita, Gilberto Gil, nonché il loro manager e le loro mogli. Rimasero a Londra circa tre anni e poi tornarono nel loro Paese, il Brasile. Il 13 dicembre del 1968 il dittatore militare allora presidente del Brasile Artur da Costa e Silva aveva emanato il famigerato Ato Institucional Número Cinco, l’atto istituzionale numero cinque. Era un decreto presidenziale che ne seguiva altri quattro e ne precedeva altri 12 che suggellava formalmente il fascismo di quel governo. Il 28 marzo di quell’anno, otto mesi e mezzo prima, a Rio de Janeiro la polizia aveva ucciso un giovane studente durante una manifestazione. Altre morti di questo tipo purtroppo seguiranno, ma questa fu una delle prime. La dittatura militare era in piedi dal 1964, quando aveva preso il potere con un colpo di Stato. La morte di questo ragazzo determinò una protesta di massa nel Paese e mesi problematici per il regime. Questo portò, insieme ad altre cose, alla reazione dei militari e all’emanazione dell’Ato Institucional Número Cinco. Con esso si cancellavano libertà fondamentali. Si toglieva di mezzo il Parlamento, si negava l’habeas corpus per reati di origine politica, si dava al presidente il potere di togliere ogni diritto politico ai dissidenti, si mettevano fuorilegge le riunioni politiche. Il pensiero progressista era perseguitato. Non era facile per gli artisti che si contrapponevano alla dittatura militare restare nel Brasile dell’Ato Institucional Número Cinco. Dopo essere stati arrestati con una scusa e aver trascorso un paio di mesi in carcere, Gilberto Gil e Caetano Veloso se ne andarono a Londra in esilio.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 23

Degni di note

I consigli musicali di Giorgio Novembrino

 

I Consigli del'avvocato

Sei nei guai con la giustizia? Hai bisogno di un buon consiglio? Scrivi a Mirko Mazzali e ne saprai di più!

Le prigioni del cuore

Il tuo cuore è imprigionato dietro le sbarre? Lucia Pistella risponde alle vostre lettere

Links


tumblr counter