Chuck Berry PDF Stampa E-mail

All’inizio degli anni ‘50 del Novecento, la sera nelle case di Cleveland, nell’Ohio, i ragazzi ascoltavano alla radio di nascosto sotto le lenzuola il Moondog rock and roll house party, del dj Alan Freed. Freed mandava tanta musica rythm and blues. Ma, per superare la separazione razziale e per promuovere quella stessa musica per un pubblico bianco, semplicemente le cambiò nome. La chiamò ‘rock and roll’. Tra le canzoni che Alan Freed per primo passò per radio c’erano quelle di Chuck Berry. Il suo nome più di quello di chiunque altro viene abbinato al nome del rock and roll. Ci ha lasciati nei giorni scorsi all’età di 90 anni. L’omaggio di Jailhouse Rock a un grandissimo della musica.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

Bookmark and Share
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Degni di note

I consigli musicali di Giorgio Novembrino

 

I Consigli del'avvocato

Sei nei guai con la giustizia? Hai bisogno di un buon consiglio? Scrivi a Mirko Mazzali e ne saprai di più!

Le prigioni del cuore

Il tuo cuore è imprigionato dietro le sbarre? Lucia Pistella risponde alle vostre lettere

On Air


Ascolta Radio Popolare

Links


tumblr counter