Ike & Tina Turner PDF Stampa E-mail

Proprio nei mesi in cui Ike si trovava nella prigione californiana di San Louis Obispo, Ike  Tina Turner vennero inseriti nella Rock and Roll Hall of Fame. Non poté presenziare alla cerimonia. Ha raccontato in un’intervista: “la polizia mi chiese di diventare un loro uomo di fiducia in prigione, e arrivarono alcune ragazze che mi misero 25 dollari sul conto corrente penitenziario, perché non avevo un soldo. E quando ho avuto quei 25 dollari (...) ho cominciato a vendere sigarette, caramelle e caffè, e facevo 500 dollari al giorno mentre ero in galera. In sette mesi ho messo da parte 13.000 dollari (…). Avevo le bande dei Crips, dei Bloods e degli Spagnoli che vendevano per me nelle loro sezioni”. Non proprio un detenuto esemplare. In galera ha fatto il contrabbandiere. Tina ha raccontato nel suo ultimo libro dei problemi avuti con il marito e di quelli legati alle discriminazioni a causa del suo colore della sua pelle. Con noi a Jailhouse Rock è stato Enzo Gragnaniello, che nello scorso autunno ha pubblicato l’album Rint’ ‘o posto sbagliat’ che contiene la canzone O razzism. Durante la puntata abbiamo ascoltato insieme un brano dell’Orkestra Ristretta del carcere di Sollicciano a Firenze.

ASCOLTA O SCARICA LA PUNTATA

Bookmark and Share
 

Degni di note

I consigli musicali di Giorgio Novembrino

 

I Consigli del'avvocato

Sei nei guai con la giustizia? Hai bisogno di un buon consiglio? Scrivi a Mirko Mazzali e ne saprai di più!

Le prigioni del cuore

Il tuo cuore è imprigionato dietro le sbarre? Lucia Pistella risponde alle vostre lettere

Links


tumblr counter